Intervista a Suicide Squad Margot Robbie e Jai Courtney

SQUADRA SUICIDI

Suicide Squad è pieno di personaggi e star che potrebbero comandare un film da soli, ma parte del divertimento è vedere questo caotico pasticcio di personalità scontrarsi, riunirsi e scontrarsi di nuovo. Abbiamo avuto l'opportunità sul set di intervistare due di loro insieme: Margot Robbie , che interpreta l'iconica Harley Quinn preferita dai fan, e Jai Courtney , che interpreta una versione del Capitano Boomerang che non hai mai incontrato prima. Gli attori hanno discusso le loro acrobazie, il cameratismo 'skwad', Jared Leto Joker e, ovviamente, la possibilità di sequel. Leggi il nostro Suicide Squad Intervista di Margot Robbie e Jai Courtney di seguito.





Jai, con quale Capitano Boomerang stai interpretando? Sei George 'Digger' Harkness, che era il Capitano Boomerang nel Suicide Squad fumetti, o sei un nuovo personaggio creato appositamente per questo film?

JC: Penso che sia in qualche modo una fusione, penso che sia probabilmente la cosa più giusta da dire. Ero curioso di questo. Senti, ho le mie idee ma non abbiamo creato qualcosa da cui siamo vincolati. David [ Ieri ] e ne ho discusso all'inizio. Quindi, guarda, chi lo sa? All'interno di questa proprietà, immagino che lasci spazio e libertà in un certo senso per andare in entrambi i modi. Ma in questa fase non è necessariamente specificato.



Cosa pensa Boomerang di Harley Quinn?

SIG: Questo voglio sentire.

JC: Pensa la verità.



SIG: La mia nota verso il capitano Boomerang quando entra nella sceneggiatura è che penso sia un idiota.

JC: Bene, ti sbagli. Si è corretta più tardi?

SIG: Ha momenti in cui è tipo, lui è divertente, e poi le torna a pensare che sia un idiota.

Puoi parlare di come i tuoi personaggi lavorano insieme come una squadra?

SIG: Bene, la squadra è insieme.

JC: Questo è ciò che penso renda questo film così divertente è che c'è così tanto antagonismo tra tutti loro. Abbiamo tutti i nostri ruoli da svolgere all'interno del gruppo. A volte prendo decisamente quel tipo di clown di classe. Harley ha questa bellissima battuta in cui dice: 'Nel tuo villaggio in Australia manca il suo idiota. Dovresti chiamare casa. ' Che è una linea fantastica e suona vera.

SIG: Penso che abbiano come una relazione fratello / sorella. Dove si limitano a spaghettarsi l'un l'altro.

JC: C'è un po 'come il rispetto reciproco tra tutti a un certo punto e non necessariamente qualcosa che c'è all'inizio, ma quando arrivano all'idea che hanno bisogno di unirsi perché in un certo senso sono tutto ciò che hanno. Questo è uno dei bei playoff di questo ensemble.

Margot, hai detto di aver preso nota nella sceneggiatura di ciò che il tuo personaggio pensa di Boomer. Hai preso appunti per tutti i personaggi?

SIG: O si. Ogni volta che accadono piccole scene tra di loro, scrivo nell'angolo della mia pagina quello che penso di loro. All'inizio ho deciso come si sente per ogni personaggio. Per qualche ragione penso che le piaccia davvero Killer Croc e lo guarda come un orsacchiotto. Lo guarda e dice: 'Lo amo'. E penso che lei pensi che El Diablo sia il più fico perché ha il superpotere più fico. Quindi è una cosa diversa con Deadshot. Penso che sia una cosa fratello / sorella con Boomer perché o la irrita o lei lo trova divertente e poi torna a irritarla.

Margot, com'è stato per te essere il primo attore a portare questo iconico e amato personaggio DC sul grande schermo in live-action?

SIG: Sì, sono fortunato ad essere il primo a farlo perché nessuno ha alzato l'asticella in modo così alto come hanno fatto con Joker, per esempio. Quindi in questo senso è più facile, ma sono perfettamente consapevole del fatto che c'è un'enorme base di fan e non voglio deludere nessuno. Quindi è terrificante, ma come ho detto, è bello essere il primo a farlo.

Ci puoi parlare del cameratismo sul set?

JC: È stata una di quelle esperienze stranamente piacevoli. Abbiamo tutti avuto, penso, diversi tipi di esperienze nei film e ne abbiamo parlato fin dall'inizio dove è come se a volte andassi in un film e sai che sarà bello e stai lavorando con un buon gruppo di persone, ma qualcosa è successo presto. Probabilmente era il momento delle prove che ci era stato concesso, penso che questo significasse che c'è stato un periodo di concentrazione in cui ci siamo fidati l'uno dell'altro e insieme a questo fortunato incidente del gruppo che era stato assemblato. Ci siamo appena divertiti un sacco.

SIG: Penso che aiuti anche il fatto che nessuno di noi sia di Toronto. Quindi, quando finiamo una giornata di lavoro, vi girate l'un l'altro e dite: “Cosa stai facendo adesso? Cosa facciamo questo fine settimana? ' E molte persone sono sposate con figli e cose del genere e se stessimo girando nella loro città natale, tornerebbero a casa dalla loro dolce metà, dai loro figli, dalla loro vita e dai loro amici che conoscono da sempre. Ma visto che siamo tutti lontani da casa voi restate uniti ancora di più.

JC: È come questa odiosa piccola famiglia.

SIG: È una famiglia bizzarra.

Continua a leggere Suicide Squad Intervista a Margot Robbie e Jai Courtney >>